Gualtiero Brissoni

data di nascita - 2 febbraio 1954

residenza -  Tribulina di Scanzorosciate

inizio attività agonistica - 1969

 

PROFILO

 

Titoli europei enduro  5

1978 cl. 250 su Swm

1979 cl 125 su Swm

1980 cl. 125 su Swm

1981 cl. 125 su Fantic

1982 cl. 250 su Husqvarna

Titoli italiani enduro assoluti  4

1980; 1981; 1982; 1983

Titoli italiani enduro di classe  8

1976; 1977; 1978; 1979; 1980; 1981; 1982; 1983

Titoli italiani enduro major  6

1997, 1999, 2000, 2001, 2003, 2007

Titoli italiani motocross junior  1

1975 (classe 125)

Vittorie assolute alla Sei Giorni  1 (1982)

Partecipazioni alla Sei Giorni  15

Vittorie alla Valli Bergamasche  4

1973, 1974, 1978, 1979

altri successi

due volte vincitore assoluto della Valli Bergamasche Revival

più volte vincitore di classe al Trofeo Regolarità d'epoca

 



 

INTERVISTA dicembre 2000

 

UN' ALTRA STAGIONE DA MATTATORE

 

Ha preso parte a due campionati italiani aggiudicandosi entrambi, ha partecipato a undici gare, ne ha vinte dieci ed una volta è arrivato secondo, ambedue le squadre con le quali ha corso hanno pure vinto il titolo. Collezionare vittorie è un hobby che Gualtiero Brissoni coltiva da parecchio, tra gli anni Settanta e Ottanta è stato uno dei più forti al mondo, adesso, a 46 anni suonati, è un castigamatti nella categoria major e nel Trofeo Fmi Revival. 

"Mi sono sdoppiato nei due tornei" racconta "correndo nel tricolore major dove mi sono aggiudicato la classe 500 4 tempi con una Honda-Dall’Ara maggiorata nelle file del Moto Club Grumello-Team Benini e disputando il Revival dove ho vinto nella classe C con una Swm 125 del ’72 nella squadra del Motoclub Vertova." 

Nel campionato major ha vinto le prime quattro gare e il titolo con una prova d’anticipo mentre nella corsa conclusiva, nel Pistoiese, è riuscito a precederlo, per meno di un secondo, il rivale Mauro Cremonese, piemontese del Motoclub Cavamotor. 

"Non ho mollato avendo già il titolo assicurato" ricorda "quella volta è stato proprio più bravo lui. Fra l’altro io dovevo dare il mio contributo alla squadra che aveva bisogno di quanti più punti possibili per avere ragione dei rivali del Mc Vernio. Ce l’abbiamo fatta comunque ma mi è un po’ dispiaciuto non aver potuto contribuire col punteggio pieno." 

E’ stato il terzo titolo nella categoria major per il campionissimo di Scanzorosciate, aveva già vinto lo scudetto nel ’97 nella classe 400 4 tempi e nel ’99 nella oltre 4 tempi. Questo campionato riservato agli "over" lo ha riportato alla ribalta dopo una parentesi di inattività agonistica durata qualche anno. 

"Ad un certo punto ho dovuto fermarmi perché mi era venuta come una crisi di rigetto" afferma in riferimento a quella decisione "sempre e solo moto, gare, allenamenti, sentivo il bisogno di cambiare, di occuparmi anche d’altro, di voltare pagina." 

Infatti adesso Brissoni corre e vince ma poche gare selezionate, senza assilli, senza esagerazioni, la passione non è offuscata dalla frenesia. 

"Nel Trofeo Revival di regolarità mi ha coinvolto Pierluigi Rottigni" prosegue "prima non vi avevo mai partecipato, c’era da completare la squadra del Motoclub Vertova e con lui e Alessandro Gritti abbiamo ricostruito un bel terzetto. Io mi sono presentato nella 125 con una Swm, la marca con la quale ho forse vissuto il periodo più felice della mia carriera. E’ andato tutto a meraviglia, ho vinto la mia classe ed ho concluso terzo assoluto. Con ogni probabilità nel 2001 correrò con una 175 così potrò essere più competitivo anche nell’assoluta". 

A proposito di vittorie assolute Brissoni non scherza: nell’82, alla Sei Giorni in Cecoslovacchia, conquistò questo prestigioso successo correndo e vincendo nella classe 250 su Husqvarna, nel campionato italiano senior fece altrettanto quattro volte, dall’81 all’84. E poi nel suo palmares figurano la bellezza di cinque titoli europei (dal ’78 all’82, i primi tre su Swm, il quarto su Fantic e l’ultimo su Husqvarna), la partecipazione a 15 Six Days con 12 medaglie d’oro, sette titoli tricolori di classe, tre successi a squadre alla Sei Giorni e una vittoria nel Vaso d’argento all’isola di Man. 

"Mi sono anche ben comportato nel motocross" precisa Brissoni "nel ’75 ho vinto il tricolore junior 125 ed ho terminato il mondiale al settimo posto. Ho poi avuto qualche valida esperienza anche nei rally ma mi sarebbe piaciuto avere la possibilità di cimentarmi come si deve nella velocità, sono convinto che avrei potuto dire la mia, con l’adeguata preparazione e il mezzo giusto, anche in quella disciplina".

 

Danilo Sechi

 

 

 

 

spazio fuoriclasse