m o t o w i n n e r s 

Top Bergamo

 

LA STORIA DEL MOTO CLUB CARETER NEMBRO

 

Il Moto Club Careter č stato fondato nel 1964, quale sezione del Moto Club Bergamo, su iniziativa di Giuseppe Pezzotta e di un gruppo di sportivi di Nembro. La stesura dell'atto costitutivo risale al 28 maggio quando, nello studio del notaio Santo Patanč, si ritrovarono Pezzotta, Mario Spiranelli, Marino Foini, Franco Fissore, Pasquale Carrara, Cesare Spiranelli, Alcide Beretta, Alessandro Pezzotta, Silvio Maffeis. La sede era stabilita in via Vittoria, 13, il presidente era Giuseppe Pezzotta, il nome, preso dal dialetto, significa carrettiere ed intendeva umoristicamente sottolineare le limitate capacitā di guida di alcuni soci. 

 

Nel '72 la sezione si stacca dalla casa mare per diventare club indipendente. Fautori del distacco Pezzotta, Mauro Lazzaroni, Adriano Rota Nodari ed il colonnello dell'Aeronautica Giovanni Moro. La denominazione diventa Mc Italica Careter, dal nome della compagnia di assicurazione di cui Moro era agente nella provincia di Bergamo. Inizia un periodo di intensa attivitā nel corso del quale il club nembrese arriva ad un organico di 400 soci ed oltre cento conduttori e raccoglie successi in campo regolaristico ad ogni livello, provinciale, regionale, nazionale ed internazionale. Nel '72 arriva il primo titolo a squadre nel campionato italiano senior; l'anno dopo la formazione con le inconfondibili maglie verdi si classifica seconda; nel '74 Imerio Testori vince, primo italiano nella storia, il titolo europeo, la squadra senior č seconda nel tricolore, quella junior si classifica terza. Nel '75 la squadra junior vince il campionato italiano di categoria (tre i titoli individuali), la squadra senior risulta terza (pure tre i titoli individuali), Gritti arriva secondo nell'europeo e nell'italiano, Brissoni vince il titolo italiano junior di motocross. Memorabile il '76 quando l'Italica Careter vince la classifica dei club alla Sei Giorni austriaca di Zeltweg coi giovani piloti Paolo Magri, Renato Foresti, Lucio Valoti e Pietro Caccia. E' inoltre la squadra vicecampione nel tricolore senior ed č insignita del premio Coni.

 

Nel '77 e nel'78 ancora due secondi posti nel campionato italiano senior a squadre, nel '79 nuovo successo tra i senior e terzo posto tra gli junior; nell'80 altra affermazione tra i senior; nell'82 secondo posto e nell'88 terzo posto. Nelle sue file hanno militato i campionissimi Testori, Brissoni e Gritti e poi Polini, Oldrati, Capelli, Rottigni, Ferrari, Perego, Carrara, Miele e tantissimi altri. 
In ambito organizzativo il Careter si č distinto nell'allestimento di diverse gare di enduro e trial e di tre edizioni della 24 Ore endurance internazionale (negli anni 1984, 1985 e 1986). Nel '91 č tornato in seno al Moto Club Bergamo quale sezione ma, dopo una sola stagione, il Careter Club č stato rifondato tornando autonomo. La sede č stata stabilita in via Roma, presso il Bar Roma, la specialitā regina č diventata il motocross, a seguire il trial.

I nuovi piloti da seguire diventano nel primo caso Madaschi, Tadini, Bassani, Andreoletti, Leidi, Fratus, Guerra, Oberti, Pderini, Soligo, Lavetti, Cantų, Testa, nel secondo Francesco e Manuel Lecchi, Michele Persico, Matteo Poli.

 

Nel 2000 il club organizza la prima prova del regionale trial e nel 2001 sono ben tre le gare della specialitā allestite: la 2a prova del campionato regionale promozionale, la 3a prova del regionale e la 3a prova del campionato italiano cadetti.

Dal 2000 l'impegno sportivo si estende anche al Trofeo regolaritā d'epoca dove matura la quinta piazza tra le squadre con la formazione composta da Caccia, Oriboni, Sfondrini, Giovanzana, Signorelli. L'anno dopo la formazione si classifica terza e nel 2002 migliora ancora risultando vicecampione.

 

 

 

 

sommario Top Bergamo